LAMEZIA TERME

lamezia1

 

vai alla pagina locale FACEBOOK

 

______________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Il Giro d’Italia atterra all’aeroporto di Lamezia Terme

lamezia 8 maggioGiorni frenetici all’Aeroporto di Lamezia Terme per dare il benvenuto, lunedì 9 maggio, alla 99sima edizione del Giro d’Italia che ,arriva in Italia per la prima delle 18 tappe, la Catanzaro-Praia, di 191 km. E’ la prima volta che l’aeroporto di Lamezia accoglie l’arrivo della carovana rosa, 22 squadre e 198 corridori, in rappresentanza di 34 paesi e 5 continenti. Un grande impegno per la Sacal (ente gestore dell’aeroporto di Lamezia Terme) che da mesi, con il coinvolgimento di tutto il personale, ne organizza l’accoglienza. Per l’importante evento, l’aerostazione è stata allestita con vele, palloncini, bandierine, vetrofanie. Dalla sala arrivi fino all’area check in è il rosa il colore predominante.

1 Maggio: Festa del LAVORO

 

lamezia 1 maggio.001

Giornata della Liberazione, 25 Aprile 2016

lamezia 2 25 aprile  lamezia 25 aprile  lamezia 3 25 aprile

Oggi 25 aprile 2016, i ragazzi del SCN, hanno partecipato alla cerimonia sulla Giornata della Liberazione. In sostituzione del Sindaco Paolo Mascaro, era presenta il vicesindaco Massimiliano Carnovale. Hanno inoltre presenziato al corteo il Prefetto Luisa Latella, il rappresentante della Curia Monsignor Buccafurni, e alcuni membri del Consiglio comunale. La manifestazione ha avuto inizio a Sant’Eufemia per poi concludersi, passando da Sambiase, a Nicastro in Piazza Cattedrale.

lamezia 4 25 aprile   lamezia 5 25 aprile

Sportello INFO – GIOVANI ed                       INFO – CONSUMATORI UTENTI

sportello 2 lamezia sportello lameziaI volontari del Servizio Civile Nazionale, dei progetti San Francesco di Paola e Santa Maria Francesca, ricordano a tutta la cittadinanza che, presso la sede Futura di Lamezia Terme, sono attivi gli sportelli:

1) Info-giovani, che ha come obiettivo l’orientamento dei giovani nel mondo del lavoro e dell’istruzione;

2) Info consumatori-utenti, con lo scopo di tutelare i diritti dei cittadini in qualità di consumatori-utenti.

Gli sportelli sono attivi dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:30 alle ore 13:30 e dalle ore 14:00 alle ore 19:00.

Seminario di approfondimento sulle figure di San Francesco di Paola e Santa Maria Francesca

20160327_094113000_iOS 20160327_094115000_iOSIl 25 marzo 2016 alle ore 10:00, nella sede di Lamezia Terme, si è svolto il seminario di approfondimento sulle figure di: San Francesco di Paola e Santa Maria Francesca. I ragazzi di entrambi i progetti hanno deciso di condividere insieme questa esperienza e di approfondire i percorsi vita dei due Santi.  Il seminario si è aperto con una breve introduzione da parte dei responsabili sulle due figure dei Santi. Per quanto concerne San Francesco di Paola, i volontari, si sono soffermati principalmente sul suo periodo di vita eremitica. Questo suo modus vivendi, fece si che altre persone si associassero a questa esperienza, riconoscendolo come guida spirituale. Fu canonizzato il 1 maggio 1519 durante il pontificato di Papa Leone X. La sua festa si celebra il 2 aprile giorno della sua nascita al cielo. Nelle raffigurazioni religiose San Francesco di Paola viene rappresentato:

. Vestito di un saio,con un bastone in mano e una barba bianca fluente;

. Mentre attraversa lo stretto di Messina sul suo mantello, che funge da scafo e da vela, sostenuta    dal suo bastone, in compagnia di un fraticello;

. Vestito di un saio, mentre regge un teschio con una mano e un flagello con l’altra;

. Mentre levita sopra una folla di fedeli con accanto il motto CHARITAS.

Invece, per quanto riguarda Santa Maria Francesca, nata a Napoli, Quartieri spagnoli, sin da bambina manifestò una grande fede, infatti, all’età di 16 anni manifestò al padre il desiderio di entrare 3° Ordine francescano alcantarino. Questi inizialmente glielo impedì ma qualche tempo dopo il padre si lasciò influenzare da un frate minore francescano. In quello stesso anno Anna Maria pronunciò i voti assumendo il nome di Maria Francesca delle 5 Piaghe, continuando a vivere nella casa paterna nonostante le i ripetuti maltrattamenti da parte del padre. Successivamente andò a lavorare come governante nella casa del suo direttore spirituale, dove vi rimase fino alla morte sopraggiunta all’età di 76 anni. Secondo i seguaci al donna possedeva il carisma della profezia, era considerata stigmatizzata come San Francesco ed ogni venerdì e per tutta la durata della quaresima avvertiva i dolori della passione di Cristo. Venne beatificata il 12 novembre 1843 da Papa Gregorio XVI e canonizzata il 29 giugno 1867.

Presentazione seminario su San Francesco di Paola e Santa Maria Francesca

santa-maria-francesca.3s_francesco_crocifissoVenerdì 25 marzo 2016, i volontari appartenenti ai progetti Santa Maria Francesca e San Francesco di Paola, nella sede di Lamezia Terme, terranno un seminario di approfondimento sulle figure dei due Santi, affrontando i temi di vita ed opere di Essi.

Seminario sui disturbi alimentari, 16 Marzo 2016

lamezia 14 marzoIn occasione della V Giornata Mondiale del Fiocco Lilla, i volontari del servizio civile nazione dei progetti San Francesco di Paola e Santa Maria Francesca, con sede a Lamezia Terme, si sono riuniti per affrontare la tematica dei disturbi alimentari come disagio sociale. Il seminario si è aperto con un’introduzione fatta dai responsabili dei due progetti che ha messo in luce come i problemi alimentari sono presenti in maniera importante nella nostra società. Successivamente, attraverso filmati e slide, sono state introdotte le varie patologie legate ai disturbi alimentari, in particolare modo si è discusso su anoressia e bulimia ed ogni volontario ha dato un proprio parere sulle tematiche affrontate. L’incontro si è concluso con un breve discorso del presidente del Centro Studi Futura e dei responsabili dei progetti.

PRESENTAZIONE SEMINARIO SUI DISTURBI ALIMENTARI COME DISAGIO SOCIALE

locandina 14-3 l.tMERCOLEDI’ 16 MARZO ALLE ORE 9:00, presso la sede Futura di Lamezia Terme, si terrà un seminario di approfondimento che verterà sulle seguenti tematiche:

 

  • OBESITA’
  • BINGE EATING DISORDER
  • ANORESSIA
  • BULIMIA
  • OBESITA’.

Seminario di approfondimento sul ruolo della donna nella nostra società

Il 9 marzo nella sede di Lamezia Terme, i volontari del SCN dei progetti San Francesco di Paola e Santa Maria Francesca, si sono riuniti per approfondire la tematica del ruolo della donna nella società odierna. Il seminario è iniziato con la proiezione di immagini e filmati riguardanti lo sfruttamento e la condizione della donna in tempi passati. E’ seguito un discorso dei responsabili dei progetti che hanno portato alcuni esempi di donne che hanno avuto e che hanno ancora oggi un ruolo fondamentale nella società. Questi esempi di donne hanno dato luogo a momenti di riflessione e di approfondimento tra i partecipanti. La giornata si è conclusa con un saluto da parte del Presidente della Futura Centro Studi, cui è seguito un piccolo rinfresco.

8 MARZO: LA DONNA IERI E OGGI

L’8 marzo, in qualità di volontari delSCN, con i  responsabili dell’associazione Centro Studi Futura dei progetti San Francesco di Paola e Santa Maria Francesca, sede di Lamezia Terme, abbiamo tenuto un seminario di approfondimento sulla condizione della donna ieri e oggi. Il seminario si è aperto con un’introduzione, da parte dei responsabili, sull’evoluzione della figura della donna nel tempo, cui è seguita una discussione da parte dei ragazzi. Si è parlato delle tante donne che hanno segnato la storia con la loro partecipazione attiva all’interno del contesto sociale ( Rita Levi Montalcini, Grazia Deledda, Oriana Fallaci, Madre Teresa di Calcutta, e tante altre…).                                                                                           Gli uomini sono donne che non ce l’hanno fatta.  (cit. G. Marx)                          

sacal-aeroporto-foto-panoramica1PRESENTAZIONE UFFICIALE DELLA COSTITUENDA SOCIETA’ DI HANDLING SACAL GH.

Lamezia Terme – Domani ci sarà la presentazione ufficiale della costituenda società di handling Sacal GH (Sacal Ground Handling) e negli uffici direzionali Sacal, il presidente Massimo Colosimo, il direttore generale, Pierluigi Mancuso, il dirigente dell’Area Legale e Personale, Ester Michienzi, risponderanno alle domande sul futuro della società che gestisce lo scalo lametino. Tanti gli argomenti messi sul piatto: le motivazioni, la decorrenza, il progetto organizzativo, le misure occupazionali, le conseguenze giuridiche, economiche e sociali sui lavoratori della nuova Società di handler controllata da Sacal. Dopo l’annuncio della costituzione, dal mondo dei sindacati sono cominciati ad emergere i primi dissapori e perplessità. Duro il commento dell’Usb che pensa alo smembramento della società, “nel silenzio assordante delle Istituzioni e delle forze politiche” affermano e “con relativo annullamento delle tutele e dei diritti dei dipendenti”. La loro convinzione nasce da indiscrezioni che definiscono la nuova società di handling controllata solo al 60% da Sacal e non interamente. Il 40 % del controllo della società “sarà destinato – affermano – ad un partner competitivo (anche se probabilmente il nome SGH si rivelerà profetico) che acquisterà a buon mercato, potendo contare sulla notevole diminuzione dei costi del personale”. Secondo l’USB, “poiché il Comune di Lamezia è socio di maggioranza della Sacal spa, il Sindaco e il suo referente all’interno del Cda dovrebbero essere consapevoli dei danni che subiranno i lametini coinvolti nell’operazione e le ripercussioni sull’immagine della Calabria stessa”. Anche la Filt Cgil si è dimostrata preoccupata per il futuro dei lavoratori, in particolare quelli precari. Il punto cruciale sta nel fatto che, se la società dovesse fallire, i sindacati vogliono rassicurazioni sul fatto che la Sacal si possa impegnare ad assorbire i dipendenti. Tutte domande che, probabilmente, troveranno risposta domani, durante la conferenza stampa presso gli uffici direzionali della società di gestione dello scalo lametino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA